Athleta Magazine Issue 02

Athleta Magazine Issue 02

15.00

Athleta è un magazine fotografico. Racconta storie di sport senza tempo, senza badare agli eventi sportivi del giorno.

Attraverso le immagini narra di persone e luoghi. Palestre fatiscenti, intrise di fatica, strade sterrate o panorami nordici. Ovunque lo sport sia spontaneo. Esotico magari, sconosciuto ai molti, ma reale e sudato, fedele ai valori della competizione in tutte le sue forme culturali.

Ci sono atleti professionisti dal talento straordinario, ma con una vita comune. Ragazzi che non solcano il palcoscenico dello sport-business ricoperto di denaro e telecamere, e vivono la vita essenziale degli agonisti. Sono felici di tornare a casa la sera esausti, anche se nessun giornale si interessa ai loro allenamenti. Sono euforici per la prima, o l’ennesima magari, medaglia vinta o persa contro i più forti avversari del mondo. Anche se è metallo che non fa girare l’economia, ma solo il sangue nelle loro vene.

Athleta parla la loro stessa lingua. Racconta le loro esistenze senza ornamenti o finzioni, mostra il loro essere, ne ritrae l’intimità.

Accanto a loro, storie di semplici, puri, amanti dello sport. Quelli che, pur non essendo professionisti, si fanno sconvolgere la vita per dissetare una passione: la bicicletta, la tavola da surf, la velocità.

Athleta Magazine - Issue 02

200 pagine, 10 storie, testi in italiano ed inglese

Attraverso diversi linguaggi fotografici e stili narrativi, Athleta Issue 02 viaggia nello sport visitando luoghi sia noti che sconosciuti, partendo da un piccolo campo in sintetico al Pireo, Atene. 

Qui dove nacque la democrazia, nella città-stato che fu culla della storia culturale dell’Europa, un pallone da calcio disegna una traiettoria di conforto nelle vite di alcuni ragazzi del campo profughi di Skaramagas. 
Qui, dove Athleta affonda le sue radici etimologiche, qui dove sorgeva l’antica Olimpia, il mito narra di una donna dalla bellezza beata e addolorata, virtuosa ed infaticabile. Atalanta, il modello nascosto della campionessa moderna, rivive nelle pagine di questo numero dalla china dell’illustratore Alfred Basha.

Da mito a storia, da un luogo sacro all’altro, la cultura dello sport diventa un cortometraggio crudele datato 23 luglio 2004. La trama è quella di un bambino che voleva essere Hinault e sfidò l’imperatore del ciclismo: Filippo Simeoni contro Lance Armstrong. Un punto e virgola contro una monumentale antologia. 

In Romagna invece c’è un bambino che vuole essere Valentino Rossi, allora la bicicletta diventa una minimoto, e i weekend si passano al circuito di San Mauro a Mare con il babbo. Qui i piloti hanno meno di 10 anni, ma vanno forte come i grandi, e la velocità non fa paura perché è una categoria dell’anima.

Molto più lento è il tempo nelle fumose sale biliardo della periferia londinese, o la torbida attesa delle onde sulla Pacific Northwest Coast. E poi, ancora, altre storie da arene completamente diverse tra loro: l’adrenalina dei monster truck, l’eterna passione a stelle e strisce per il baseball e la drammatica Plaza de toros. 
Ancora una volta la gloria è passeggera, ma le immagini rimangono, così come rimangono i colori dell’appartenenza e le maglie ‘match worned’, vero tesoro per i cacciatori di reliquie calcistiche. 

Quantity:
Add To Cart